Options
1 / 13 ◄   ► ◄  1 / 13  ► pause play enlarge slideshow
Options
2 / 13 ◄   ► ◄  2 / 13  ► pause play enlarge slideshow
Options
3 / 13 ◄   ► ◄  3 / 13  ► pause play enlarge slideshow
Options
4 / 13 ◄   ► ◄  4 / 13  ► pause play enlarge slideshow
Options
5 / 13 ◄   ► ◄  5 / 13  ► pause play enlarge slideshow
Options
6 / 13 ◄   ► ◄  6 / 13  ► pause play enlarge slideshow
Options
7 / 13 ◄   ► ◄  7 / 13  ► pause play enlarge slideshow
Options
8 / 13 ◄   ► ◄  8 / 13  ► pause play enlarge slideshow
Options
9 / 13 ◄   ► ◄  9 / 13  ► pause play enlarge slideshow
Options
10 / 13 ◄   ► ◄  10 / 13  ► pause play enlarge slideshow
Options
11 / 13 ◄   ► ◄  11 / 13  ► pause play enlarge slideshow
Options
12 / 13 ◄   ► ◄  12 / 13  ► pause play enlarge slideshow
Options
13 / 13 ◄   ► ◄  13 / 13  ► pause play enlarge slideshow

Penne di Quaglia - KM Zero

Spesso le doppiette si rivolgono inutilmente al cielo, in una ricerca costante di un volatile inserito nel Calendario Venatorio.
Passano ore senza vedere niente o al massimo una cornacchia lontano nello sfondo blù. E passa anche l'adrenalina, quella che ha fatto alzare di scatto il cacciatore dopo la sveglia delle 5 del Mattino. Si abbassa la testa, sorretta da un collo ormai indolenzito e si rivolge lo sguardo a terra ed al proprio cane, che uguale al padrone, rimane deluso da una giornata dagli scarsi risultati.
Ho seguito per alcune giornate diversi cacciatori e sono stato testimone di quanto ormai scarseggia la fauna sia migratoria che stanziale. Un racconto fotografico per far riflettere sulla politica ambientale e sulla gestione del calendario venatorio.
L'unica preda in cui sono stato testimone è stata una quaglia, esibita come un triste trofeo, magra e per lo più fatta di penne, penne di quaglia.
Fotografie a Kilometro Zero, scattate nel territorio di Mogoro.
loading